317 mila euro di contributi agli affitti per i più bisognosi

E’ stata pubblicata anche sul sito internet istituzionale, in data 28 ottobre la determinazione n. 2502 “Fondo per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione anno 2019 ed anno 2020”,  con la quale verranno nei prossimi giorni liquidati gli aventi diritto al contributo all’affitto per gli anni 2019 e 2020.
L’importo complessivo della liquidazione risulta essere molto significativo, in quanto ammonta ad € 317.382,15 dei quali circa il 70% provengono dalle casse regionali, con trasferimenti nazionali.
Le domande idonee in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione al bando sono state 154, per l’anno 2019, e 168, per il 2020, con importi tra € 100,00 e € 1.500,00 in ragione della situazione economica del nucleo familiare (ISEE) e dell’incidenza dell’importo del canone.

I cittadini interessati potranno consultare sul sito istituzionale del Comune di Chioggia www.chioggia.org gli elenchi delle domande ammesse e delle escluse, nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, senza i nominativi e i dati personali, ma riconoscendosi dalla data di presentazione e dal numero di protocollo della domande stessa.
I nuclei familiari esclusi sono 31 per il 2019 e 37 per il 2020. Motivo prevalente è l’incidenza eccessiva, fuori dai parametri regionali, del canone sull’ISEE o l’incidenza troppo poco significativa.

I Servizi sociali, Servizio casa stanno già predisponendo il bando per l’anno 2021 in base allo schema stabilito dalla Regione Veneto. Le domande potranno essere presentate con le medesime modalità dello scorso anno.
“Siamo soddisfatti di essere riusciti finalmente ad impegnare e liquidare i contributi per il sostegno agli affitti riferiti agli scorsi anni “ spiega l’assessore ai servizi sociali Sandro Marangon  “E’ un primo segnale di attenzione verso tutte quelle famiglie, che per vari motivi, si trovano in difficoltà economica in questo periodo. Auspico che per quest’anno e per gli anni futuri i tempi di attesa siano inferiori. Ringrazio tutti gli Uffici del Settore , che pur in carenza di personale, hanno lavorato per poter analizzare e rispondere a tutte le domande arrivate, sino a giungere alla liquidazione dei contributi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.