Cina: ritorna il baratto a Xi’an

Riferisce la BBC che alcuni residenti in quarantena nella città Xi’an in Cina, stanno facendo ricorso al baratto per vivere negli ultimi giorni, viste le continue preoccupazioni per la carenza di cibo dovuto dal Lockdown. Infatti, dal 23 dicembre circa 13 milioni sono stati confinati nelle loro case e attualmente non possono uscire per comprare cibo. Le autorità cinesi hanno fornito cibo gratuito alle famiglie, ma alcuni affermano che le scorte si stanno esaurendo o che non hanno ancora ricevuto aiuti.

Video e foto sul sito di social media Weibo, stanno diventando virali in tutto il mondo, dove mostrano persone che scambiano sigarette con cavoli, detersivo per piatti con mele e assorbenti per un piccolo mucchio di verdure. Perfino un video che mostra un residente che sembra scambiare la console Nintendo Switch con un pacchetto di noodles istantanei e due panini al vapore.

“Cittadini indifesi sono arrivati all’era del baratto: le patate vengono scambiate con tamponi di cotone”, ha detto un utente del sito di social media Weibo, mentre un altro lo ha descritto come un “ritorno alla società primitiva”.
Alcuni erano però più ottimisti e hanno commentato quanto fossero “toccati” dalla gentilezza dei vicini di condividere con loro le provviste.

Xi’an è l’epicentro dell’attuale epidemia di Covid in Cina. L’epidemia nella città è la peggiore che la Cina abbia visto da mesi. A partire da lunedì sera, quasi tutti i veicoli sono stati vietati nelle strade e tutti i negozi e le attività commerciali, a parte i supermercati che forniscono beni di prima necessità, sono stati invitati a chiudere.

Ed il mese prossimo vi saranno le Olimpiadi invernali che si terranno a Pechino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.