Eppure se mi avessero detto che…

Eppure se mi avessero detto che, un giorno avremmo provato tante limitazioni non ci avrei creduto. Non sono un millennials non sono neanche un “sessantottino” ma provo a immaginare cosa sarà dei principi che finora ci hanno guidato. Ieri mia madre si nascondeva dai familiari che si rifiutavano di pagarle gli studi, lavorava e studiava di notte pur di arricchirsi di conoscenza.

Kant, Hegel, Marx e compagnia bella ispiravano le menti e le azioni di una generazione che si guadagnava millimetro per millimetro la propria libertà, la libertà di crearsi il proprio futuro, che non fosse quello dei propri genitori che avevano visto solo guerra e povertà.

Oggi così pervasi dalla libertà e dalle possibilità non sappiamo più immaginare niente di nuovo, niente di stimolante; pochi sono i veri esempi di giustizia e rettitudine morale, gli ultimi grandi, Falcone e Borsellino, si pensa che siano i “Me contro te” dei tempi antichi.

Una dimensione parallela, un mondo migliore, Fortnite, distrae i “nuovi umani” dal mondo ormai saturo e rarefatto che noi abbiamo rovinato, dove i tronisti e il grande fratello sono già “il passato” (e questo non è del tutto negativo).

Quante volte, da giovani, abbiamo detto ai nostri “tu non capisci” ? Forse le stesse volte che vengono dette ora a noi dai nostri figli.
Eppure, per tutti gli sbagli che ancora possiamo fare, la natura, l’umanità si auto determina e i giovanissimi, la generazione Z troverà la via d’uscita.

Un mondo senza limitazioni, distanziamento e mascherina è già possibile.
La realtà virtuale è davvero la via, forse è l’unico modo di riconquistare il contatto, le relazioni, le libertà perse e i sogni.

Non possiamo arrestare il futuro, la generazione Z è già all’opera e noi abbiamo il dovere di capire e di guidare i nostri figli verso una conoscenza non passiva e assoggettata ma partecipativa, critica, libera e formativa.
L’uomo “così” non perderà mai “se stesso” perché riuscirà a riconoscersi anche se espresso nelle forme più svariate.

Carlo Muccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *