Il Sindaco sull’ufficio del Giudice di Pace: «Vogliamo tenerlo aperto»

«Ho telefonato personalmente al presidente del Tribunale di Venezia, dottor Laganà, per ribadire che questa amministrazione ha la chiara volontà di tenere aperto l’ufficio del Giudice di Pace». E’ la risposta del sindaco di Chioggia, Mauro Armelao, dopo che alla sua amministrazione erano piovute diverse critiche, soprattutto dalle opposizioni, dopo che il Tribunale di Venezia aveva ribadito che, vista la situazione, sarebbe stato opportuno chiudere anche l’ufficio del Giudice di Pace.

«Ho ribadito al presidente – spiega Armelao – la ferma volontà di questa amministrazione di tenere aperto l’ufficio del Giudice di Pace, prevedendo anche dei nuovi servizi come lo sportello di prossimità previsto da un progetto regionale a sostegno del sociale. Ho inviato al dottor Laganà una lettera, nella quale evidenzio tutte le attività poste in essere da questa amministrazione a sostegno del Giudice di Pace».

«Alle critiche pretestuose – aggiunge il Sindaco -, sterili e prive di senso di qualche consigliere del PD, rispondo semplicemente dicendo che mentre qualcuno ha del tempo da perdere in inutili teatrini, un sindaco di una città come Chioggia impiega il suo tempo a risolvere i problemi della città che si incontrano giorno dopo giorno ed è quello che sto facendo, dal giorno dopo della mia elezione a sindaco».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.