La storia di San Felice e San Fortunato, Patroni di Chioggia

La festa dei Santi Martiri, patroni della città di Chioggia, si celebrano il giorno 11 giugno.

Santi Martiri, Patroni della città di Chioggia, Felice e Fortunato sono stati rappresentati come due soldati romani. Scarne sono le informazioni sulla vita e sull’azione di questi due martiri, anche se molto fu scritto in proposito da storici locali, senza un serio fondamento storico. Si sa che nel loro martirio hanno combattuto per Cristo, mantenendo integra la propria fede. La tradizione li qualifica come due giovani fratelli vicentini, venuti ad Aquileia per commerciare.
Trovati in preghiera in un bosco vicino alla città, per l’imperversare della persecuzione di Diocleziano (303-305), furono torturati e decapitati. I loro corpi, raccolti dai cristiani, furono conservati uno a Vicenza e l’altro ad Aquileia. Poi, in seguito alle invasioni barbariche, le reliquie conservate in quest’ultima città furono trasportate a Malamocco, dove si era stabilita una sede vescovile. La sede, poi, si trasferì nel 1100 a Chioggia, e con essa, per volontà del vescovo Enrico Grancarolo e col consenso del Doge, anche le reliquie. Attualmente sono conservate nella Cattedrale, racchiuse in una pregiata urna, eseguita nel 1905 su disegno del chioggiotto Aristide Naccari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *