L’ammiraglio Lazio in visita alla Capitaneria di Porto

L’ammiraglio di divisione Giorgio Lazio, comandante del Comando Marittimo Nord della Marina Militare, si è recato in visita, nei giorni scorsi, alla Capitaneria di Porto di Chioggia.

Ad accogliere l’ammiraglio Lazio il comandante della Capitaneria di Porto, il capitano di fregata Michele Messina, che ha reso omaggio con gli onori resi dal picchetto d’onore, armato per l’occasione e passato in rassegna dall’ammiraglio che rappresenta la massima autorità della Marina Militare del nord Italia.

In seguito ha incontrato una rappresentanza del personale, schierato in assemblea a ranghi ridotti per l’adozione delle necessarie precauzioni anti-covid, manifestando la propria soddisfazione per l’impegno dimostrato e i risultati conseguiti, rammentando l’importanza dell’autorità marittima per il tessuto socio economico locale per una città a forte vocazione marittima quale Chioggia, con l’inevitabile affidamento che la collettività ripone sull’istituzione che, oltre ad operare, amministrare e vigilare in materie quale il soccorso in mare, la sicurezza dei porti e della navigazione, la tutela dell’ambiente marino, lagunare e costiere, la filiera della pesca, il ceto marittimo, rappresenta sul territorio l’intera Forza Armata, meno visibile alla cittadinanza nelle sue altre componenti specialistiche.

Successivamente il comandante Messina ha fatto visitare all’ammiraglio le infrastrutture della sede storica della Capitaneria di Chioggia, quindi il museo di zoologia adriatica “G.Olivi”, gestito dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, la cui sede principale, a Chioggia, è ospitata all’interno di palazzo Grassi.

Infine l’ammiraglio Lazio ha posto la sua firma nel Registro Storico della Capitaneria di Porto, con il rituale scambio dei crest dei rispettivi comandi di appartenenza: quello del Comando Marittimo del Nord della Marina Malitare e quella della Capitaneria di Porto di Chioggia.

 (Nella foto: un momento della visita dell’ammiraglio Lazio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *