L’annuncio a sorpresa del sindaco Ferro: Non mi ricandido

Con una lettera ai cittadini pubblicata sulla propria pagina Facebook, Alessandro Ferro ha sciolto ogni riserva facendo sapere che non si ricandiderà per la poltrona del sindaco. Nella lettera, che trovata pubblicata anche sulla nostra pagina Facebook, parla di una scelta non politica ma personale, di un impegno, che evidentemente, lo ha segnato parecchio. Ferro parla di ore rubate agli affetti più cari e che, naturalmente, nasce da queste basi la decisione, che lui stesso definisce sofferta, di mollare e quindi non ripresentarsi per il rinnovo della carica di sindaco.

Alessandro Ferro, che afferma che l’impegno in questi mesi che mancano alle prossime amministrative non mancherà, ha manifestato la sua idea di non ricandidarsi al vicesindaco, agli assessori, ai consiglieri, oltre che ai dirigenti degli uffici comunali e nella lettera sforna un elenco di cose fatte sotto il suo mandato.

In realtà è una delle poche volte in cui il sindaco uscente non si rimette in gioco, magari per finire un lavoro iniziato cinque anni prima e francamente alla tesi degli affetti familiari si fa fatica a credere. Gli esperti di politica, in questa non ricandidatura di Ferro, vedono un accordo già fatto tra Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e, magari, ciò che rimane della lista civica dei balneari che, dopo aver fatto eleggere Maria Chiara Boccato quale Presidente del Consiglio Comunale dopo le dimissioni di Endri Bullo. In tutto questo risiko di intrecci politici l’uscita di scena di Ferro potrebbe essere stata imposta dai vertici regionali del Movimento e quindi adesso si intrecciano tutta una serie di considerazioni che dovranno esprimere un candidato sindaco o sindaca di spessore nel centro sinistra. Il nome ancora non c’è ma c’è chi giura che il candidato o la candidata possa essere calato dall’alto, da un accordo che invece, tra Partito Democratico e 5 Stelle, in altre città è saltato ma, a quanto pare, a Chioggia no.

(Nella foto: il sindaco Alessandro Ferro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *