L’Union Clodiense sbatte contro i pali ed il Delta strappa lo 0-0

Due pali colpiti, un gol annullato, un’altra traversa colpito ma in fuorigioco e almeno tre splendide parate del portiere deltino. L’Union Clodiense le ha provate davvero tutte per portare a casa i tre punti, ma un indomito Delta Porto Tolle, in trincea per tutta la gara, e la poca precisione degli attaccanti granata non hanno sbloccato uno 0-0 che va bene solamente ai polesani.

Andreucci si presenta sempre con il 4-2-3-1, ma stavolta i due mediani sono Kaptina e Serena; Issa, Fasolo e Calabrese sono i trequartisti, Romano il terminale di attacco. In difesa Calcagnotto sostituisce Cuomo, premiato prima della partita per le 100 presenze con la maglia granata. Mister Gherardi si schiera con il 4-4-2, dove in realtà gli esterni Nappello e Busetto avanzano sull’ala per irrobustire l’attacco.

Si lotta molto a centrocampo e dopo una punizione calciata alta da Serena, al 13′ è Fasolo a seminare il panico nell’area rodigina, solo che il suo assist non è raccolto da nessuno. Al 14′ un episodio che ha fatto discutere: punizione di Calabrese dalla trequarti sinistra, in area di rigore sbuca Mboup che di testa mette in porta, per l’assistente però è fuorigioco e l’arbitro annulla. Ancora Union vicina al gol al 25′: cross di Issa, girata volante di Romano e palla deviata sul palo dal portiere. Il fortino del Delta tiene e si va all’intervallo sullo 0-0.

Nella ripresa ci si aspetta i fuochi d’artificio ed in effetti l’Union nei primi 10 minuti schiuma talmente rabbia che sfiora ripetutamente la rete. Azione tambureggiante dei granata al 5′: cross di Monticelli dalla sinistra, la palla arriva dalla parte opposta a Fasolo che colpisce il palo, sulla ribattuta calcia Calabrese che trova la respinta di Agosti, quindi la palla giunge ad Issa che colpisce la traversa ma viene pescato in posizione di off-side. Un minuto dopo un’altra palla-gol si materializza sui piedi di Calabrese che, servito da Romano, calcia sul portiere in uscita disperata. Si vede anche il Delta al 10′ con un tiro di Spoto, respinto da Passador a mano aperta. Dopo la sfuriata iniziale, però, la partita stagna a centrocampo, nel finale c’è pure qualche colpo proibito, classico da derby, ma lo 0-0 resiste. Così Union e Delta si dividono la posta in palio, ma intanto l’Arzignano scappa di nuovo a più cinque.

(Nella foto: il palo colpito da Romano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.