Malore fatale in strada, muore 66enne. “Armido, tipo solitario ma sempre gentile”

Si è accasciato improvvisamente al suolo, mentre stava camminando lungo via San Marco, poco lontano da dove abitava e come faceva abitualmente tutti i giorni. Un infarto fulminante non ha lasciato scampo, ieri mattina, ad Armido Boscolo, un 66enne di Sottomarina, piuttosto conosciuto in zona.

Armido viveva da solo, in un appartamento in una calle adiacente a via San Marco, a Sottomarina, ma non era abbandonato. C’era infatti la sorella che si prendeva cura di lui, da sempre, visto che l’uomo non lavorava e non si è mai sposato. Era un tipo taciturno, solitario, che passeggiava sempre tutti il giorno, senza però disturbare nessuno. Aveva qualche problema, ma proprio per questo era anche ben voluto dal suo vicinato, da chi incontrava per strada.

“Armido era un tipo solitario – lo ricorda chi lo conosceva -, camminava sempre da solo, ma non disturbava nessuno. Non ti chiedeva mai niente e se lo faceva era sempre in modo garbato, gentile. Dispiace che se ne sia andato così”. I sanitari del 118, chiamati da chi si è accorto che l’uomo stava male, hanno provato inutilmente a rianimarlo, ma non c’è stato nulla da fare: l’infarto non gli ha dato scampo. Sul posto anche i carabinieri per espletare le formalità di rito. L’ambulanza è ripartita vuota, Armido invece è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale di Chioggia.

(Nella foto: i soccorsi in via San Marco per cercare di salvare la vita ad Armido Boscolo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.