Miuccia Prada porta la moda sulle Dolomiti e solidarizza con l’Unesco

L’osservatorio di Reputation Science, che analizza e premia ogni mese l’andamento della reputazione online dei topo manager, ha attribuito il massimo riconoscimento alla manager italiana Miuccia Prada, la stilista dell’omonimo casa di alta moda. Miuccia Prada è infatti alla guida di un marchio che si è distinto in tutto il mondo per la qualità delle sue creazioni, come nel caso delle borse Prada, bramate e desiderate da tutti. Una stilista che non smette di stupire, come ha fatto in occasione della recente sfilata sulla neve e del progetto di tutela dei mari lanciato in sinergia con l’Unesco. Vediamo di approfondire meglio questi due aspetti che non fanno che aumentare il prestigio di questa casa di moda italiana in tutto il mondo.

La sfilata di Miu Miu sulla neve delle Dolomiti

Per la collezione autunno inverno 2021-22 di Miu Miu, Miuccia Prada ha organizzato una sfilata di moda sulla neve, dove ha girato un film per presentare i nuovi capi. Le Dolomiti diventano così teatro di una sfida tutta al femminile che porta le donne a coprirsi per proteggersi, muoversi e raccontarsi in una femminilità ritrovata che non rinuncia allo stile fatto di passamontagna, sciarpe all’uncinetto colorate, ma anche piumini e pullover. Un viaggio per donne coraggiose, intrapreso in mezzo al freddo della neve senza una vera meta, sulle note di una colonna sonora ad hoc, la sinfonia “Dal nuovo mondo” di Antonin Dvorak che aiuta a suscitare un’intensa emozione insieme alle memorabili immagini girate a Cortina d’Ampezzo. Una location innevata per questa collezione Miu Miu che crea una storia su un sogno in cui la fantasia diventa realtà. 

Il progetto educativo “Sea beyond” per la salvaguardia dei mari

Prada e la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO hanno presentato il progetto educativo chiamato “Sea beyond”, programma didattico per sensibilizzare i più giovani sulla salvaguardia e sostenibilità dell’oceano e dei mari. Infatti l’obiettivo del progetto di Prada e l’Unesco è proprio quello di educare gli studenti a un comportamento più responsabile sull’impatto ambientale per non inquinare più i mari con i nostri rifiuti. Nella prima fase di questo progetto, i professori delle scuole superiori di dieci città del mondo sono stati istruiti con lezioni online dedicate alla sostenibilità. In più le scuole hanno ricevuto materiale informativo sull’argomento, ovviamente stampato su carta riciclata. Nella seconda parte del progetto Sea beyond tutti gli studenti hanno partecipato a una competizione internazionale dove gli è stato chiesto di creare una nuova e innovativa campagna di sensibilizzazione social sull’argomento della salvaguardia dei mari. Verrà poi premiata la campagna migliore tramite un evento online in diretta, dove nella giuria ci saranno Lorenzo Bertelli, il responsabile social del gruppo Prada e Vladimir Ryabinin, il segretario esecutivo del COI dell’Unesco. Ma in più ci saranno diversi personaggi esperti in materia di oceani, come lo scrittore Alessandro Baricco (che scrisse il romanzo “Oceano mare”), ma anche Fabien Cousteau, ambientalista ed esploratore oceanografico. In giuria anche la scienziata marina Kerstin Forsberg, l’artista ambientale Anne de Carbuccia e l’italiana Alessia Zecchini, medaglia d’oro d’apnea. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *