“Non siamo superiori alle regole della natura”

Covid-19 è arrivato davvero il momento di tornare alla normalità. Ma è anche il momento di porsi delle domande e pretendere risposte dai nostri politici.
Cosa sappiamo davvero sulle pandemie, sulle cause e le responsabilità? E come possiamo evitare che si ripetano?

I fatti dimostrano che il 70% di tutte le malattie infettive emergenti provengono da animali, e tanti animali ammassati in spazi ristretti, oltre a subire atroci trattamenti, sono l’ambiente ideale per il proliferare dei virus, compresi i coronavirus e i virus dell’influenza.
È la cruda verità, ma i nostri politici non vogliono affrontarla.
Finchè non avremo fermato quella che noi chiamiamo “Industria dei virus”, non potremo dirci al sicuro da nuove epidemie.

Unione Europea e Governo Italiano non vogliono affrontare la cruda verità. La prova di questo è il fatto che, mentre sono occupati a fronteggiare le conseguenze dalla pandemia, non stanno agendo concretamente contro il sistema degli allevamenti intensivi. Anzi, continuano a sostenere l’espansione di questi allevamenti con fondi pubblici: le nostre tasse, le tue tasse.

La nuova PAC (Politica agricola comune dell’Unione Europea) sta di fatto confermando i finanziamenti per gli allevamenti intensivi in tutta Italia e il sistema che li alimenta. Anche in Lombardia, la regione più colpita dalla pandemia dove, non a caso, c’è il maggior numero di animali allevati in Italia: parliamo di 4,3 milioni di maiali e 1,3 milioni di bovini stipati in capannoni.

Nel frattempo, per i mangimi di questi animali, i Governi Europei permettono di importare soia coltivata deforestando ogni giorno chilometri di foreste come quella Amazzonica, e causando squilibri devastanti, che alimentano la crisi climatica e i rischi di nuove zoonosi.

Allevamenti intensivi, deforestazione e inquinamento sono gli ingranaggi del sistema di produzione industriale del nostro cibo, che devasta gli equilibri della natura. È questa l’industria dei virus.

Se questa pandemia è servita a qualcosa, forse è stato dimostrare che non siamo superiori alle regole della natura: dal benessere animale e dalla protezione degli habitat naturali dipende la salute di tutti noi.

Greenpeace Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *