Operazione Tsunami: emesse le prime condanne

Sono state emesse venerdì le prime sentenze nel processo che vede alla sbarra 25 persone arrestate circa un anno fa durante l’operazione denominata “Tsunami”, condotta dai carabinieri e dalla guardia di finanza a Chioggia. Il giudice monocratico del Tribunale di Venezia, Massimo Vicinanza, ha accolto le nuove richieste degli avvocati difensori e del pubblico ministero Stefano Ancilotto per un totale di quindici patteggiamenti.

Le condanne riguardano: Marco Di Bella (4 anni e 6 mesi e 28 mila euro di multa), Luca Bellemo (3 anni e 3 mesi, 18 mila euro di multa), Laura Bonivento (3 anni e 16 mila euro di multa), Andrea Boscolo Cegion (2 anni e 3 mesi, pena sospesa, con 3 mila e 100 euro di multa), Alessandro Carisi (3 anni e 19 mesi e 18 mila euro di multa), Damiano Frezzato (3 anni e 16 mila euro di multa), Lino Frezzato (3 anni e 16 mila euro di multa), Cristian Moscheni (3 anni e 4 mesi e 20 mila euro di multa), Nicoletta Nordio (2 anni e 4 mesi, 12 mila euro di multa), Umberto Pugiotto (3 anni e 7 mesi, 18 mila euro di multa), Hassna Sadellah ( 2 anni, pena sospesa, 4 mila euro di multa), Zakaria Sadellah (10 mesi, in continuazione con altra condanna, 400 euro di multa), Luca Tiozzo Celi (3 anni e 16 mila euro di multa), Stefano Tommasi (4 anni e 6 mesi, 30 mila euro di multa), Igri Varagnolo (3 anni e 9 mesi, 18 mila euro di multa). Le altre 10 persone implicate non hanno voluto o potuto patteggiare.

Le indagini accertarono il traffico di stupefacenti tra Spagna, Italia e Slovenia, con al comando proprio l’organizzazione clodiense, che diede il via alla lunga notte di arresti dell’Operazione “Tsunami”, in cui si calcolò l’immissione sulla piazza locale di oltre 200 chilogrammi di droga, tra cocaina, hashish e marijuana. L’operazione portò anche al sequestro di beni per oltre 7 milioni di euro.

(Nella foto: alcune fasi dell’Operazione Tsunami)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *