“Ospedale a rischio di declassamento silente”

“C’è il rischio che ci sia in atto un declassamento silente del nostro ospedale, nascosto dalle problematiche legate al covid”. A lanciare il grido d’allarme è l’ex consigliere regionale del Partito Democratico, Lucio Tiozzo, elencando tutti quei disservizi che fanno pensare al peggio per la sanità clodiense. “Spesso ci si dimentica – spiega Tiozzo – che accanto al covid c’è una sanità quotidiana che deve essere al servizio dei cittadini, che hanno bisogno di cure oncologiche o cardiologiche e altri ancora. Non è possibile che tutta la sanità clodiense sia bloccata per parlare solo di covid”.

“La mia preoccupazione – aggiunge Lucio Tiozzo – è che sia in atto un’azione declassante strisciante, silente e che un po’ alla volta vengano tagliati quei servizi di cui necessitano i cittadini, in particolare nelle emergenze. Da qualche mese non c’è il primario di oncologia, non abbiamo da tempo il primario di nefrologia e c’è una carenza di specialisti di ematologia e di pneumologia. Se uno poi ha dei problemi neurologici deve sperare che l’unico medico esistente non sia in ferie, perché non ce ne sono altri. C’è anche difficoltà nel reperire personale specializzato al Pronto Soccorso, in particolare per l’estate”.

“E allora – dice anche Tiozzo – bisogna tenere alta la guardia sul nostro ospedale, che a fatica abbiamo fatto crescere elevandone la qualità, mentre ora rischia un’azione di sfiducia fra i cittadini, ma anche fra i medici. Non è mai decollata poi la medicina territoriale e sto parlando dell’ospedale di comunità e dell’hospice. Servono poi quelle tecnologie moderne che la medicina impone e che permettono anche di accorciare le liste di attesa, evitando così i pazienti emigrino verso altri ospedali”.

“Quindi – conclude l’ex consigliere regionale dem – dobbiamo preoccuparci per il futuro della nostra sanità. Pertanto il nuovo direttore generale deve portare fino in fondo i dettami delle schede ospedaliere. Abbiamo tre consiglieri regionali che debbono fare squadra per difendere la qualità della sanità del nostro territorio”.

(Nella foto: l’ex consigliere regionale Lucio Tiozzo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *