Ponte sul Brenta, i lavori proseguono: sì ai movieri ed ai semafori “intelligenti”

Il sindaco di Chioggia, Alessandro Ferro e la consigliera regionale Erika Baldin hanno incontrato stamane (giovedì 6 maggio) nella sede Anas di Venezia il responsabile di area Gestione Rete Anas per il Veneto, Ettore de Cesbron de la Grennelais ed il responsabile della Struttura Territoriale Anas Veneto e Friuli Venezia Giulia, Mario Liberatore. L’incontro è stato fissato per fare il punto sui lavori sul ponte sul Brenta, che stanno creando notevoli disagi al traffico lungo la statale Romea, che segue la riunione avvenuta il 21 aprile scorso con la Prefettura di Venezia.

Nel corso dell’incontro Anas ha confermato, per l’ennesima volta, che non verranno sospesi i lavori sul ponte nel periodo estivo, nella speranza di una rapida conclusione prevista nella prima settimana di luglio ma, per migliorare soprattutto le emergenze, si è stabilito di intensificare la presenza dei movieri nelle ore di maggior traffico e di disporre il controllo da remoto dei semafori che regolano il senso unico alternato, per monitorare eventuali situazioni critiche. Inoltre è stato montato un radar che ottimizzerà i tempi di regolazione semaforica per i mezzi provenienti da via Lungo Brenta.

Come già aveva indicato il Prefetto sono stati installati lungo la Romea i cartelli indicanti l’autostrada come percorso alternativo consigliato, mentre lungo l’A4 e l’A13 ed anche l’A57 nei pannelli a messaggio variabile è stata inserita l’indicazione “SS309 Chioggia code per lavori per VE seguire A13”.

Il Sindaco si è detto soddisfatto dell’incontro, ringraziando Anas per la disponibilità. “Ho riscontrato una volontà – ha commentato Alessandro Ferro – nella risoluzione dei problemi, come l’attivazione dei pannelli a messaggi variabili in tangenziale a Mestre e l’implementazione delle regolazioni semaforiche e di monitoraggio del traffico con sistemi radar, mentre i lavori notturni saranno possibili dopo la posa delle nuovi travi metalliche“.

Novità anche per quanto riguarda le pensiline di Sant’Anna che da tempo attendono di essere montate ai bordi della statale e sui lavori della rotonda di Valli.Il cantiere – spiega ancora Ferro – di S.Anna verrà ripreso la settimana del 17 maggio, mentre dopo l’estate inizieranno i lavori della rotonda di Valli. I vertici di Anas si sono impegnati a garantire il rispetto delle tempistiche e noi naturalmente continueremo a monitorare la situazione. Si tratta di interventi tanto attesi e necessari per il nostro territorio”.

“La sicurezza dei cittadini viene prima di tutto – aggiunge la consigliera regionale Erika Baldin – e da questo punto di vista verranno attivate tutte le migliorie possibili per la gestione del traffico. E’ importante procedere celermente, visto che la sospensione dei lavori non è tecnicamente praticabile, perché creerebbe problemi di staticità al ponte. Oggi abbiamo anche simbolicamente strappato una firma da parte di Anas sul rispetto delle tempistiche sui cantieri che riguardano le pensiline per i bus a Sant’Anna e per i lavori della rotonda a Valli”.

(Nella foto: il messaggio luminoso sulla tangenziale di Mestre)

One thought on “Ponte sul Brenta, i lavori proseguono: sì ai movieri ed ai semafori “intelligenti”

  • Maggio 7, 2021 at 7:05 am
    Permalink

    ABBIAMO DEGLI INCAPACI AL GOVERNO DELLA CITTÀ.

    Il sindaco Ferro e il Consigliere regionale Erika Baldin si dichiarano soddisfatti del colloquio avuto von i vertici dell’ANAS avvenuto il 21 aprile u.s.
    Soddisfatti di che?? Hanno impiegato 5 anni per tappare le falle dei ponti sull’Adige, sul Brenta (ancora in corso) e sul canale delle Trezze. Fra qualche mese dicono inizierà la rotatoria di Valli. Tutto qua?
    Al contrario del sindaco Ferro e della Erika, noi NON ci siamo dimenticati dei 600mila € stanziati dallo Stato 5 anni fa per la messa in sicurezza della Romea. Di quei soldi quanti ne sono stati utilizzati? Sistemare tre ponti e fare una rotatoria, sono diventati la sicurezza della Romea? Ma va..!

    Il sindaco Ferro e la Erika si sono scordati delle riunioni con i vari comitati per la nuova bretella che doveva essere realizzata nel tratto Cavanella/cavalcavia di Chioggia? Il sindaco la voleva ad ovest, ANAS ed est, il comitato allargare l’Arzeron. Morale della favola: non se n’è fatto nulla ed hanno pure perso i due terzi del finanziamento. Proprio da essere sodisfatti sig. sindaco, non c’è che dire!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *