Premiate le eccellenze della cucina veneta

E’ stato un tripudio di sapori e colori il Gran Galà di premiazione delle 32 eccellenze venete Food & Wine celebrato giovedì sera all’ M4cento Restaurant & bistrot della Darsena Mosella di Sottomarina di Chioggia. Sono state premiate imprese, prodotti tipici, ricette, chef, opere artistiche o documentaristiche che hanno nel corso dell’anno 2021 arricchito l’offerta enogastronomica e/o comunicativa della grande tradizione culinaria del Veneto. A fare gli onori di casa insieme al Presidente del Festival della Cucina Veneta Paolo Caratossidis l’illuminato imprenditore Ivano Boscolo Bielo del Bielo Group: a premiare i fortunati prescelti è giunto da Treviso l’Assessore regionale al Turismo e Agricoltura Federico Caner e il Presidente di Unionmare Veneto Alessandro Bertonospite d’onore della serata.

I premi sono stati suddivisi in 4 categorie (FOOD – WINE spirits & coffee – CHEF – COMMUNICATION) e dopo le imperdibili foto di gruppo di rito, sono stati consegnati ufficialmente durante lo svolgimento di una serata che ha coinvolto un centinaio di invitati e che è stata arricchita da un menù pantagruelico curato dal resident Chef M4cento Andrea Pensotti e dalla restaurant manager Valentina Boscolo Bielo con un’ottima scelta di abbinamenti con vini, consorzi e cantine dai Colli Euganei, Rechsteiner wines e la Ca’ Vescovado del Veneto orientale.

Tra i premiati un ricco parterre di eccellenze dell’export del cibo e del beverage: presenze da tutto il Veneto con molte note di colore regalate dalla pittoresca presenza di figure legate al folklore come il Papà del Gnoco di Verona, un video saluto dalla cucina del grande bistellato michelin Giancarlo Perbellini, il premio a Lazzaro 1915 già stella verde michelin e la Confraternita del Bacalà alla vicentina. Ma anche colossi del Food e del commercio ittico come Fiorital, il Maap di Padova, il Mercato Ittico all’ingrosso di Chioggia, i consorzi dell’Asiago DOP e la Latteria Soligo, il prosciutto Amor Veneto. Spazio anche ad interessanti new entries del settore con particolare attenzione al biologico e al km0 come Unconventional eggs e l’olio di frantoio Cornoleda special edition già premiato dal Gambero Rosso. Poi ovviamente tanto pescato freschissimo dell’Adriatico con  Matteo della storica Grego Pesca.

Molta attenzione alla comunicazione: il food storytelling – infatti – è lo strumento principe per la valorizzazione delle nostre eccellenze. Da Andreas Ronco alias ‘Il Veneto imbruttito’ che ha presentato il suo nuovo lavoro ‘Veneto alè, alè’ che sta scalando le classifiche dei like sul web, fino ad arrivare all’ On. Rosanna Conte commissione Pesca Parlamento Europeo protagonista della battaglia in difesa del Prosecco a Bruxelles, passando per la Tiramisù World Cup di Francesco Redi e la Nuova Venezia con il codirettore Paolo Cagnan che ha sintetizzato nei suoi ringraziamenti l’opportunità straordinaria del mondo food di utilizzare a pieno gli strumenti di comunicazione esaltando questa forte identità legata alla tradizione culinaria. Premiata anche la regia di ThisisVeneto con  Matteo Menapace  . L’ Accademia Italiana della Cucina con Annamaria Pellegrino ha – infine – impreziosito lo spessore accademico della serata rallegrata anche dalla presenza della mitica Folperia di Padova.

Spettacolare anche il taglio finale della torta pazientina della storica pasticceria Estense della pluripremiata famiglia Luni con la promessa di fare un panettone al radicchio di Chioggia Igp, presente e a sua volta premiato con Giuseppe Boscolo Paolo, per chiudere conil caffè Derust di Coneglianoe le grappeberiche  Zanin. Menzione anche alla solidarietà con la Prometeo Onlus e Igm Italia

(Foto di gruppo dei premiati)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.