Risotto alla pescatora

Il risotto alla pescatora è un primo piatto classico della cucina italiana a base di pesce che si prepara in diverse regioni. Si prepara con teste di pesce a zuppa, molluschi e crostacei, con una procedura lunga ma che renderà speciale il vostro risotto alla pescatora. Il riso migliore per il risotto alla pescatora è l’arborio, il carnaroli o il vialone nano. Se volete si possono aggiungere anche altri tipi di pesce, come un filetto di orata o dei moscardini. In mancanza di pesce fresco si può anche usare il surgelato, anche se una minima differenza nel gusto ci sarà. (sicuramente Gal Alimentare ha il prodotto giusto)

PREPARAZIONE

Mettete le cozze e le vongole in una pentola con mezzo bicchiere di acqua e mezzo di vino, copritele e fate andare fin quando non si saranno aperte. A questo punto mettetele da parte, filtrate l’acqua di cottura con un colino e aggiungete al fumetto di pesce. In un’ampia padella mettete a soffriggere l’aglio e il peperoncino. Per dare maggiore sapore potete aggiungere al soffritto anche un trito di sedano e carota.
Aggiungete il riso e dopo circa un minuto lasciatelo sfumare con un po’ di vino bianco. Quando sarà completamente evaporato bagnate con un po’ di fumetto di pesce caldo e aggiungete i calamari tagliati a listarelle. Man mano che il riso assorbirà i liquidi, aggiungete altro fumetto già caldo fino a fine cottura.
Dopo circa cinque minuti di cottura potete aggiungere i gamberi. I gamberoni si possono o far cuocere col riso aggiungendoli adesso, o far rosolare con una piccola quantità di brandy in una padella e aggiungerli dopo otto minuti di cottura del riso. Quando mancano pochi minuti alla cottura aggiungete le cozze e le vongole e infine i gamberoni e una spolverata di prezzemolo tritato. In genere i tempi di cottura del riso sono tra i 14 e i 18 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *