“Sindaco, cosa aspettiamo a chiedere l’incontro con Delrio?”

Da sinistra: l'avv. Giuseppe Boscolo del comitato per legge speciale Chioggia, il sindaco Giuseppe Casson ed il ministro Graziano Delrio
Da sinistra: l’avv. Giuseppe Boscolo del comitato per legge speciale Chioggia, il sindaco Giuseppe Casson ed il ministro Graziano Delrio

L’Avv. Giuseppe Boscolo a nome del  comitato per la legge regionale speciale per Chioggia, ha chiesto  al sindaco Casson, alla consigliera regionale Erika Baldin e all’on. Diego Crivellari (PD,  Comm. Trasporti Camera), di sostenere presso il ministero delle Infrastrutture, in particolare al ministro Graziano Delrio, la richiesta di incontro con una delegazione cittadina sulle priorità della città, ferrovia verso VE-PD, completamento della SP Arzeron (variante parziale Monselice Mare), uno studio di fattibilità per una variante alla attuale Romea.

Per parte sua, l’on. Crivellari nei giorni scorsi a Chioggia per un convegno organizzato  del locale PD,  ha confermato di stare muovendosi con propri contatti presso il  ministero delle Infrastrutture per favorire l’incontro, mentre Erika Baldin ha confermato al comitato di stare inviando al ministero una lettera-sollecito di adesione.

La  sollecitazione del comitato è in realtà rivolta soprattutto al sindaco Casson, richiamando una analoga e unitaria presa di posizione a favore del comitato da parte delle principali categorie economiche della città (anche quelle associazioni che  ora sono  divise tra consorzi turistici separati). Il comitato ricorda che era stato proprio il sindaco lo scorso luglio a preannunciare per l’autunno un dossier a Delrio  con successivo incontro col ministro.  In un post  sul social più diffuso chiede il comitato al sindaco: “Siamo a dicembre: cosa stiamo aspettando?

Il Piano Anas appena approvato per la messa in sicurezza anche della Romea prevede 1650 milioni per il tratto (da Mestre a Orte), gli altri comuni del Veneto e della Romagna si stanno muovendo. Noi cosa aspettiamo, tenendo conto che abbiamo maggiori problemi degli altri, quali ad esempio il fatto che la importante e invocata messa in sicurezza di per sè non toglie il traffico pesante e internazionale dalla Romea ?”.

Scriveva infatti  il sindaco Casson in data 23 luglio 2015 sul suo profilo facebook a commento dell’incontro avuto col ministro Delrio a margine della visita ai cantieri del MOSE: “Abbiamo rinviato ad un incontro a Roma – da fissarsi nel mese di settembre – la definizione puntuale delle questioni affrontate questa mattina; il Ministro Delrio, in vista di quel momento, mi ha espressamente invitato a precisare analiticamente in un dossier le tematiche di maggiore interesse ed urgenza per il nostro territorio: tra le stesse, ho anticipato al ministro la necessità di affrontare l’annosa questione della Romea Commerciale e, più in generale, della carenza di infrastrutture viarie e ferroviarie che siano coerenti con la conclamata volontà di valorizzare il Porto di Chioggia in un’ottica di complessivo sviluppo della portualità lagunare. Tali obiettivi, invero, non possono trovare limitazione in collegamenti totalmente inadeguati come quelli che oggi “separano” (e non “uniscono”…) Chioggia dal “resto del mondo”.

E’ probabile che il ritardo del sindaco sia collegato allo sconcerto derivato dal successivo stop governativo della autostrada Orte Mestre, molto sostenuta dal sindaco Casson, come del resto da molti politici locali, tra i quali  gli ex consiglieri Lucio Tiozzo e Carlo Alberto Tesserin.  Il comitato chiede al sindaco Casson di superare lo smarrimento e di portare avanti quelle che ritiene le vere priorità della città in tema di infrastrutture.

A tale riguardo, l’Avv. Boscolo ha  confermato di  aver consegnato anche  alla nuova dirigenza del  compartimento ANAS del Veneto copia per conoscenza della petizione (4081 firme) che chiede il completamento della SP Arzeron e la messa in sicurezza della Romea,  già  depositata in Regione insieme alla proposta di legge regionale speciale  n. 84 (cfr. sito del consiglio regionale) e fatta pervenire al ministro Delrio, con richiesta appunto di incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *