Stati Generali della Pesca a Chioggia, l’assessore Stecco appoggia la proposta

L’assessore alla pesca, Daniele Stecco, appoggia la proposta di una riforma e di un rilancio generale del settore, lanciata dal direttore del mercato ittico clodiense, Emanuele Mazzaro, da discutere agli Stati Generali della Pesca che si terranno l’11 e 12 dicembre prossimo proprio a Chioggia.

“Mai come in questo momento la pesca italiana si trova ad un bivio – commenta l’assessore alla pesca Daniele Stecco – è fondamentale far comprendere all’Europa che il nostro settore non è “il male” e che le soluzioni a problemi complessi non possono essere semplici. È già stato chiesto ai nostri pescatori di ridurre le loro giornate di pesca limitandone a tre, ma a distanza di anni si vuole ridurre ancora lo sforzo portando a due giornate. Ma siamo sicuri che questa strada sia quella giusta? Inviterei i commissari europei a vedere come si lavora a Chioggia. I nostri pescatori hanno imparato a gestire la risorsa ittica nel modo migliore, rispettosa dell’ambiente e della pulizia del mare dai rifiuti e, anche dal punto di vista economico, un eccesso dell’offerta può creare problemi sulla stabilità dei prezzi. Un altro aspetto che si sottovaluta, ma che si dovrebbe studiare a fondo, sono i cambiamenti climatici e la presenza di nuove specie nel nostro mare: questi studi potrebbero portare a soluzioni più innovative ed efficaci rispetto a una mera limitazione delle giornate di pesca”.

“Detto questo – conclude l’assessore Stecco – sarebbe importante analizzare tutti questi elementi in un momento di discussione aperta, con la presenza a Chioggia dei ministri Patuanelli, Cingolani  e Garavaglia, oltre che della Regione. Un’occasione sarebbe proprio quella degli stati generali della pesca, dove potremmo essere uniti e portare la voce dei pescatori italiani, facendo squadra con gli altri paesi del Mediterraneo, per bloccare l’imposizione dell’Europa che porterebbe alla fine di una lunga tradizione della pesca italiana. I pescatori vogliono solo poter lavorare e, se non hanno certezze sul futuro, non possono investire anche per attuare interventi mirati alla tutela ambientale, come nuovi propulsori e attrezzature di pesca meno impattanti”.

(Nella foto: l’assessore Daniele Stecco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *