Tragedia a Sottomarina, imprenditore muore schiacciato da una palma

Tragedia sul lavoro allo stabilimento “Stella Maris” a Sottomarina. L’imprenditore Gianluca Fasolin, che avrebbe compiuto 53 anni ad agosto, è morto travolto da una palma che stava tentando, assieme ad un dipendente dello stabilimento, di raddrizzare dopo che, durante la notte, era stata piegata dal forte vento. Erano circa le 7 di mattina quando l’uomo ed il suo dipendente si erano trovati in spiaggia per sistemare quella palma che era caduta. Il grosso albero è stato quindi imbragato e con l’aiuto della pala di una ruspa presa a noleggio sono iniziate le manovre per riposizionare la pianta.

Per ragione che sono al vaglio della polizia scientifica però qualcosa è andato storto. La palma si è staccata dall’imbragatura ed è finita addosso a Fasolin che, probabilmente, non si è nemmeno accorto che gli stesse finendo addosso, in quanto girato di spalle. La botta è stata tremenda e per l’imprenditore non c’è stato niente da fare ed è morto sul colpo. I sanitari del 118, giunti dall’ospedale di Chioggia, si sono prodigati per rianimarlo ma l’uomo era ormai morto, tanto che l’elicottero del Suem che si era alzato da Treviso è stato fatto rientrare.

Sul posto la polizia, i carabinieri e la polizia locale che hanno transennato l’area, mentre lo stabilimento è rimasto chiuso per tutto il giorno. i medici legali hanno cercato di dare una spiegazione sull’accaduto, mentre lo Spisal dovrà fare luce se vi siano state inadempienze nelle operazioni di ripristino della palma, che è stata sequestrata assieme alla ruspa.

Fatto sta comunque che Gianluca Fasolin, per tutti Luca, apprezzatissimo imprenditore, impegnato in più settori, ha trovato la morte in quella spiaggia che lui aveva tanto desiderato e che aveva fatto rinascere dalle ceneri degli ex Bagni Europa-Idrofollie e che aveva ricevuto le autorizzazioni ad aprire solamente nei giorni scorsi e doveva ancora procedere con l’inaugurazione vera e propria dello stabilimento. Lascia la moglie Marilisa, insegnante e i due figli Edoardo e Gianmarco.

(Nella foto: il cancello d’ingresso dello stabilimento chiuso per lutto e a destra Gianluca Fasolin)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.