Tutto il volontariato al PalaExpo con l’Ulss 3, per un grazie reciproco

Un grazie sincero, che l’Ulss 3 Serenissima contava di poter dire da mesi, è stato tributato oggi al PalaExpo di Marghera a tutti coloro che hanno contribuito alla campagna vaccinale. “Da molti mesi – ha sottolineato il Direttore Generale Edgardo Contato – attendevamo questo momento e questa occasione: aspettavamo di poter finalmente guardare insieme a questi due anni di lavoro comune al servizio della popolazione, e di poterci dire un grazie che penso di poter definire vicendevole. E’ il grazie dei sanitari a tutti coloro che a titolo volontario hanno sostenuto la campagna vaccinale, ma è anche il grazie comune, di tutti noi qui presenti, per l’aiuto reciproco e per il lavoro che insieme abbiamo saputo fare dentro il più vasto impegno del Servizio sanitario della nostra regione”.

Nello spazio ritrovato del PalaExpo di Marghera, il Direttore Generale, affiancato dai sanitari e dagli operatori tutti della campagna vaccinale, ha quindi consegnato una targa a una quarantina di associazioni – dalla Protezione Civile alle varie Croci di assistenza, dai volontari del soccorso ai gruppi delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, dalla Caritas ai volontari di associazioni di volontariato nei territori, dall’Agesci alle Farmacie e ai Medici di Medicina Generale -. Presenti a premiare e a ringraziare i sanitari e le associazioni di volontariato, anche il questore Maurizio Masciopinto, il vicesindaco Andrea Tomaello, in rappresentanza della Città Metropolitana di Venezia, il Presidente dell’Ordine dei Medici Giovanni Leoni, il Presidente della Conferenza dei Sindaci del territorio, Andrea Martellato.

Non sono mancate le lettere di ringraziamento e di incoraggiamento dell’Assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin, e del Presidente della Regione, Luca Zaia, che ha voluto dire il suo grazie personale a “uomini e donne straordinari, esempio tangibile della solidarietà che anima il nostro territorio, il nostro Veneto terra di volontariato”.

Su grande schermo utilizzato normalmente per le chiamate vaccinali dentro il PalaExpo, scorrevano intanto le immagini delle tante iniziative – dal vaporetto vaccinale alla vaccinazione dei senza fissa dimora, dal camper nei territori e sulle spiagge alle iniziative insieme gli Atenei veneziani… – messe in campo dall’Ulss 3 in questi anni, con l’aiuto di tutti.

“Guardiamo indietro ed è evidente che il nostro lavoro si è svolto in cento modi e in cento luoghi diversi – ha sottolineato il Direttore Generale -. Ma questo Padiglione è un po’ il simbolo, la ‘corazzata’ della nostra campagna vaccinale.Ne siamo fieri e ringraziamo la proprietà che ce l’ha concessa in uso gratuito, e continua a farlo”. In proposito, è giunto al PalaExpo anche il saluto di Enrico Marchi, Presidente del Gruppo Banca Finint, che, sin da marzo 2021 ha messo a disposizione della Ulss Serenissima il Palaexpo a titolo gratuito rinnovando anche pochi giorni fa l’accordo fino a fine giugno 2022: “Siamo orgogliosi di aver contribuito – ha sottolineato – al buon esito della campagna vaccinale, mettendo da subito a disposizione dell’Ulss 3 in comodato gratuito la struttura del PalaExpo. Un polo diventato il simbolo di una campagna di vaccinazioni su larga scala che, passo dopo passo, ci sta riportando a una sperata e tanto auspicata normalità. Questo gesto è un segno tangibile del nostro impegno per le comunità nelle quali il Gruppo Banca Finint affonda le proprie radici e della volontà di continuare a essere partner del territorio, delle famiglie e delle imprese per accompagnare il loro percorso di crescita”.

La mattinata del PalaExpo, presenti moltissimi volontari in rappresentanza delle associazioni premiate è stata allietata dall’esibizione delle ragazze dell’associazione culturale e sportiva ASDCR Q16: il gruppo di danza moderna ha proposto una coreografia di disco dance: “E’ un onore per noi – ha detto la maestre Irene Gazzetta – essere qui oggi e poter dire grazie per tutto ciò che i volontari hanno fatto per noi in questi due anni di pandemia, con una campagna vaccinale che ora ci consente di poter tornare a danzare e ad esibirci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.