Zaia: “Rischiamo la zona arancione”

Oggi, Giovedì 30 Dicembre, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha svolto una conferenza stampa di informazione sulla situazione pandemica nella regione.

Il presidente Luca Zaia ha esordito dichiarando: “I casi sono il doppio del periodo più buio dell’anno scorso, ma l’ospedalizzazione oggi è più bassa, anche il tasso di mortalità è diminuito. Cosa è accaduto nel frattempo? Abbiamo somministrato più di 9milioni di vaccini, l’87,2% veneti si è vaccinato. Se oggi siamo aperti e non chiusi e i dati ospedalieri permettono di guardare con un minimo di speranza, è grazie alle vaccinazioni. Uno su due in area medica sono non vaccinati, e i non vaccinati sono il 13% della popolazione veneta. Senza i no vax ricoverati saremmo in area bianca.”

Riguardo al possibile passaggio del Veneto in zona arancione Zaia ha affermato: “Dico solo che l’incidenza è a 610, l’occupazione delle terapie intensive è al 18%, l’area medica al 19%, l’Rt al 1.13. Abbiamo un Rt basso ma con 19 di area medica significa che ci giochiamo 11 punti, se il 10 gennaio arriviamo al 30% entriamo in arancione. Siamo preoccupati per le feste, ci arrivano richieste “si possono fare feste con 200 persone?”, in questa fase decisamente no, il Governo ha fatto delle scelte che devono essere rispettate. Il virus circola.”

La raccomandazione del presidente della Regione Veneto è: “L’idea che se hai avuto il covid sei protetto è sbagliata, va seguito il piano vaccinale, anche nel Veneto abbiamo alcuni casi di reinfezioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.